BENVENUTO SUL SITO DI ARCA DI NOÈ

SCORRI PER SCOPRIRE COSA FACCIAMO

inserimento lavoro

INSERIMENTO LAVORATIVO

La Cooperativa promuove l’autonomia e l’autodeterminazione delle persone svantaggiate attraverso percorsi propedeutici o sostitutivi di attività lavorative.

Scopri le attività

ACCOGLIENZA E PROTEZIONE

Arca di Noè opera dal 2008 nell’ambito del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR).

E’ impegnata anche in altre accoglienze per richiedenti e titolari di protezione internazionale.

Lo SPRAR e le altre accoglienze
MG_9606
solar-cells-191686

AMBIENTE

L’inserimento di persone svantaggiate nel mondo del lavoro, primario obiettivo della Cooperativa, si coniuga con la capacità di operare nel settore del risparmio energetico e delle fonti di energia rinnovabile.

Scopri di più

LA COOPERATIVA

Arca di Noè promuove l’autonomia e l’emancipazione di persone svantaggiate e migranti forzati. La scommessa di un protagonismo attivo delle persone con cui lavoriamo guida i nostri progetti e le nostre attività.

I CLIENTI

Scopri i clienti di Arca di Noè

«Si dice spesso che l’uomo sia un essere che non cessa mai di mettersi in questione e che, quando vi rinunci, rinneghi se stesso. […] Chi sono questi uomini? Ve lo chiedo, me lo chiedo. Chi sono queste creature affamate di umanità che si aggrappano alle frontiere impalpabili (ma che io so, per esperienza, terribilmente concrete) di un riconoscimento integrale?»

(Frantz Fanon, psichiatra e scrittore).

«I rifugiati sono persone che sono state sottoposte a un violento rito di separazione e fino a che non verranno “incorporati” nel ruolo di cittadini nel paese di destinazione (o rimpatriati nel loro paese di origine) si troveranno in transizione, o in uno stato di liminalità»

(Barbara E. Harrell-Bond e Eftihia Voutira, antropologhe).The Author

«Nello status dell’emigrato (che è sempre l’immigrato) rientra anche l’esclusione di fatto dalla politica dell’ordine nazionale a cui appartiene, in quanto si trova all’estero. E non smetteremo mai di ribadire i pericoli nascosti in questa doppia esclusione, in cui un’esclusione giustifica l’altra. Escludere ed escludersi di diritto e di fatto, da una parte dall’ordine politico in cui si è spinti a vivere e, dall’altra parte, dall’ordine politico a cui si continua in teoria ad appartenere nonostante l’assenza, vuol dire essere privati e privarsi del diritto più elementare e più fondamentale, il diritto di avere dei diritti, di essere soggetti di diritto, di appartenere a un corpo politico, avendo in esso il proprio posto, la propria residenza, la propria partecipazione attiva, cioè il diritto di dare senso e ragione alle proprie azioni, alle proprie parole e alla propria esistenza»

(Abdelmalek Sayad, sociologo).

Arca di Noè Società Cooperativa Sociale - Via A. Grandi 4 Granarolo dell'Emilia (BO) P.IVA: 02221381201
creato utilizzando Wordpress ~ benfatto.me