Accoglienza e Integrazione

Un percorso di accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati che coinvolge il territorio di Bologna

Le attività di accoglienza e integrazione di Arca di Noè hanno l’obiettivo di favorire l’autonomia di richiedenti asilo e persone titolari di protezione internazionale.
Realizziamo percorsi personalizzati sulle specifiche attitudini ed esperienze di ognuno, favorendo l’incontro e la conoscenza reciproca con i cittadini del territorio di riferimento. Operiamo in diversi programmi di accoglienza richiedenti asilo, nello specifico partecipiamo alla gestione della “prima accoglienza” nel Centro Mattei dell’Emilia Romagna. Arca di Noè fa parte del sistema di accoglienza SIPROIMI-SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) come ente gestore di strutture di cui è titolare l’Azienda Pubblica di Servizi alla Persona ASP Città di Bologna. Inoltre aderiamo al programma FAMI (Fondo Asilo Migrazione e Integrazione).

I servizi dei progetti di accoglienza

Con un approccio multisettoriale la Cooperativa Arca di Noè garantisce l’orientamento e supporto legale, orientamento all’inserimento lavorativo e l’insegnamento dell’italiano.
Il percorso viene condiviso con ogni persona accolta per favorire il raggiungimento degli obiettivi del progetto di accoglienza. Garantiamo la qualità degli interventi grazie a un team di operatori professionisti e al costante lavoro in collaborazione con Enti Locali, Istituzioni ed associazioni. Nel sistema SPRAR Arca di Noè agisce in partnership con ASP Città di Bologna e con la rete di Enti Locali favorisce l’armonizzazione e la coerenza delle attività svolte in ogni contesto territoriale.

 

Contattaci

Prima Accoglienza per richiedenti asilo
La richiesta di asilo e i primi passi nel territorio

Arca di Noè, all’interno del Consorzio l’Arcolaio, partecipa alla gestione della prima accoglienza in Emilia-Romagna nei Centri di Accoglienza Straordinari (CAS) e presso il Centro Mattei di Bologna

Le strutture sono organizzate per l’accoglienza di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale (richiedenti asilo). Hanno la funzione di garantire il sostegno legale alla procedura di protezione internazionale e tutti i servizi alla persona necessari tra i quali la mediazione linguistico-culturale, le cure mediche e il sostegno psicologico.

Seconda Accoglienza per rifugiati
L'inserimento sociale e lavorativo nel territorio

Arca di Noè, all’interno del Consorzio l’Arcolaio, gestisce l’accoglienza SIPROIMI-SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) di Bologna. 

Operiamo secondo un modello di equipe multidisciplinare, realizzando con ogni persona accolta un piano di accompagnamento personalizzato volto all’autonomia e l’autodeterminazione. Nel corso del progetto garantiamo vari servizi tra cui percorsi di inserimento lavorativo e abitativo in rete con i servizi e gli enti del territorio bolognese, supporto e consulenza legale, insegnamento della lingua italiana e mediazione linguistico-culturale. Il personale di Arca di Noè si occupa di definire gli aspetti significativi della vita di relazione quali rapporti interpersonali, regole di uso della struttura e di convivenza; affiancare le persone ospitate nella realizzazione del piano di accompagnamento personalizzato finalizzato all’integrazione sociale, lavorativa ed abitativa; programmare e proporre attività ludiche e ricreative, sia individuali che collettive; predisporre progetti che realizzino servizi di ascolto, sostegno scolastico, supporto psico-socio-sanitario.

Notizie collegate
Workshop di moda
accoglienza e integrazione
Un workshop di moda rivolto ai migranti
A Bologna Arca di Noè lancia il workshop di moda rivolto ai migranti.
Arca di Noè Riutilizzo Sociale
accoglienza e integrazione
Dopo la confisca il riutilizzo sociale
A San Lazzaro Casa Zucchi passa dalla confisca al riutilizzo sociale, diventando un centro di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati.
SPRAR Disagio Mentale
Partecipazione
Accogliere la vulnerabilità
Arca di Noè gestisce uno sprar DM DS con l'obiettivo di favorire autonomia e inserimento socio-lavorativo di persone vulnerabili nel territorio di Bologna