servizi
23 settembre 2020
Terza edizione del master per operatore dell’accoglienza

Il Master Universitario di I livello in Educatore nell’accoglienza e inclusione di migranti, richiedenti asilo e rifugiatiprevisto da Alma Mater Studiorum – Università di Bologna nell’ambito della propria offerta formativa post-laurea per l’anno accademico 2020/2021, è stato ideato e co-progettato con il Consorzio L’Arcolaio, realtà con esperienza pluriennale nel settore dell’Accoglienza, di cui fa parte Arca di Noè, in collaborazione con ASP Città di Bologna e Servizio Centrale dello SPRAR/SIPROIMI.

Dalla teoria alla praticaTerza edizione master operatore accoglienza 2021

Il Master della durata di un anno, si articolerà in lezioni frontali e seminari (per un totale di 240 ore) ed un tirocinio professionalizzante di 500 ore, da svolgere presso servizi per migranti o strutture di prima e seconda accoglienza. Per chi lavora già nel settore dell’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati o nei servizi per i migranti, il tirocinio potrà essere sostituito da un’attività di project work. La frequenza al Master è compatibile con gli impegni lavorativi, in quanto le lezioni si terranno il venerdì pomeriggio ed il sabato.

Per un approccio multidimensionale e professionale

I mutamenti intervenuti nel fenomeno migratorio necessitano di un/una professionista in grado di accompagnare il migrante nel complesso processo di inclusione sociale. Il Master si propone di formare il professionista che opera nell’ambito dei servizi per migranti e del Sistema di Accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati sul territorio italiano, strutturandone e rafforzandone il profilo professionale al fine di facilitare il processo di inclusione del migrante, fornire gli strumenti per agire in una prospettiva di sistema, maturare la capacità di mettere in connessione esigenze soggettive, dimensioni istituzionali e variabili di contesto. L’educatore/operatore dei servizi per i migranti e dell’accoglienza si muove in un ambito multidimensionale, attraversa differenti livelli istituzionali e si confronta con le complesse esigenze delle persone con cui lavora. Le tematiche affrontate nel piano didattico permetteranno, pertanto, di accrescere le conoscenze del fenomeno migratorio nel suo insieme attraverso tre aree: storico-politico-istituzionale, socio-antropologica e psico-pedagogica.

Il bando di concorso, in scadenza il prossimo 11 dicembre 2020.

Vai al Bando

Vai alla Brochure

Vai al Syllabus

Tutte le news